Silver Discoverer: Maldive e Seychelles


Descrizione.

Terza arrivata nella categoria Expeditions, Silver Discoverer fa rotta su terre inesplorate e vergini del vasto Pacifico, attraverso isole coralline e villaggi tribali, verso foreste pluviali il cui fragile ecosistema non sembra conoscere la corruzione del tempo.
Silver Discoverer offre suite tutte provviste di vista oceano e spaziosi ponti, in maniera che una balena o un branco di delfini siano sempre ben visibili.
La poca profondità del suo scafo le permette di avvicinarsi di più a riva, e dove non arriva provvede la flotta di 12 gommoni Zodiac a portare gli ospiti a terra. In questo modo i viaggiatori possono esplorare spiagge isolate e ecosistemi sommersi da vicino ed approfonditamente, anche grazie alle visite guidate sul posto e alle conferenze tenute a bordo dai nostri esperti altamente qualificati.
Sono presenti sulla nave una sala fitness, un salone di bellezza, una piscina e due ristoranti, per non venir meno al tipico comfort Silversea.

 

 

Itinerario di Viaggio.

Imbarco sulla Silver Discoverer. Una volta presa confidenza con la vostra suite e con la nave, avranno luogo un breve briefing sulla sicurezza e la presentazione del Team Expedition.

L’itinerario di oggi prevede un’escursione a una tenuta per la coltivazione del tè in maniera da comprenderne l’affascinante processo di produzione, dal raccolto delle foglie a cure delle donne locali al peso e l’imballaggio in fabbrica. Seguirà una degustazione di diverse varietà di tè. In tarda mattinata esploreremo l’antico porto musulmano fortificato di Galle. Occupato da Portoghesi, Tedeschi e Inglesi fino al XIX secolo, sono evidenti le diverse influenze politiche europee. Dichiarato sito UNESCO nel 1988, è circondato dal mare su tre lati. Lungo le sue strette strade sono sopravvissuti alcuni edifici coloniali tedeschi, come la chiesa del XVIII secolo e il suo memoriale di legno in onore di uno dei comandanti di Galle. Visiteremo anche il quartiere arabo, dal distinto gusto moresco.Per pranzo guideremo verso il Beach Resort Unawatuna, su una delle spiagge migliori dello Sri Lanka, dove sarà allestito un barbecue di cibo di mare locale accompagnato da musicisti Baila.

Kirinda sarà il nostro luogo di transito per raggiungere lo Yala National Park. La storia di Yala come santuario della biodiversità risale a più di 100 anni fa ed è stato ufficialmente dichiarato parco nazionale nel 1938. Sito nella parte sudorientale dello Sri Lanka, il parco copre un’area di 979 chilometri quadrati. Una grande varietà di animali selvatici abita nel parco, in particolare la zona ha una concentrazione di leopardi tra le più alte al mondo e ospita l’elefante dello Sri Lanka. Delle 215 specie di volatili, sei sono endemiche. L’importanza c he questo luogo ha per gli uccelli si comprende visitando l’oasi avicola di Kumana. Il parco ha diversi ecosistemi, dalla foresta monsonica alle paludi marine. Mentre siamo nel parco, sarà offerto un brunch e dello Champagne con un rinomata naturalista del paese che ci regalerà un approfondimento sull’importanza ornitologica ed ecologica del parco. In seguito ritorneremo sulla nave per raggiungere Hambantota.Hambantota è un’area rurale ricca in risorse che sta acquisendo velocemente un ruolo centrale nello sviluppo della regione meridionale dello Sri Lanka. La regione ospita anche alcuni tra i più abili gioiellerai e artigiani. Ci fermeremo per poco ad Hambantota per sbrigare le pratiche di uscita dal paese.

Oltre alle varie attività e occasioni di relax disponibili a bordo, si terranno conferenze sulla storia e la geologia delle Maldive.

Uligamu è una delle isole settentrionali abitate dell’atollo Haa Alif e delle Maldive. Per via della sua posizione, l’atollo è visitato da molti yacht che transitano nel Mar Arabico. L’isola è stata scelta come primo luogo delle Maldive a sperimentare l’energia rinnovabile tramite turbine e pannelli solari. Dopo aver sbrigato le pratiche concernenti l’ingresso nel paese, visiteremo questa piccola comunità di 300 abitanti.

L’area marina protetta e riserva della biosfera dell’Atollo Baa comprende 75 isole, 13 delle quali abitate da una popolazione di approssimativamente 12,000 persone. Le barriere coralline sono comuni e ricche di biodiversità tra cui 250 specie di coralli e 1,200 specie di pesci. Anche tartarughe verdi ed embricate, mante, squali balena e uccelli marini usano questa riserva. Sono stati registrati anche pesci Napoleone e squali nutrice. In vero spirito da spedizione, esploreremo una laguna poco profonda che include un piccolo banco di sabbia con vegetazione. La laguna è dominata dalla sabbia e non è connessa direttamente all’oceano, il che la rende il luogo ideale per la nidificazione di tartarughe e uccelli marini. Nella parte sudorientale, un’altra piccola baia attrae mega fauna marina, e volte sono stati registrati addirittura 250 esemplari di manta e molti di squalo balena.Nel pomeriggio visiteremo Olhugiri, un’isola disabitata nella parte meridionale dell’Atollo Baa; l’isola, la sua laguna e la barriera coralline circonstante sono protette dalla legge. Olhugiri è una delle due isole delle Maldive a ospitare regolarmente fregatidi, perlopiù fregate minori e fetonti beccorosso, oltre a tartarughe.

Male è una delle capitali più piccole del mondo e un terzo della popolazione del paese abita qui. A differenza delle altre isole, Male è una cttà di grattacieli e strade asfaltate. Gli edifici governativi sono radunati in una zona, mentre le strade principali sono costeggiate da negozi e uffici. Una passeggiata al mercato di pesce e a quello locale lungo la costa settentrionale offre uno scorcio sul commercio di questa zona. Male cela anche qualche gemma architettonica che vedremo durante il tour della città come la Gran Friday Mosque del 1984, una delle più grandi dell’Asia Meridionale con spazio per più di 5000 persone. Gli edifici della città riflettono il suo passato culturale: il palazzo del Sultano, costruito per ospitare i presidenti delle Maldive, è in uso ancora oggi. Altre attrazioni sono il parco del Sultano, costruito sopra i resti dell’antico palazzo del Sultano e uno dei pochi spazi verdi di Male, e il museo nazionale, dentro il parco, che esibisce molti artefatti culturali, da oggetti di pietra a reliquie reali dell’era Buddista a quella dei monarchi islamici. A pranzo la Silver Discoverer si lascerà la civilizzazione alle spalle. Nel primo pomeriggio sbracheremo a Kuda Bandos, una piccola e tranquilla isola di sabbia. Quest’oasi disabitata offre spiagge per escursioni in snorkeling memorabili.

Gli atolli sono meraviglie geografiche e le barriere coralline delle Maldive ospitano la biodiversità più ricca dell’area. Le Maldive comprendono il 5% delle barriere coralline mondiali, dove migliaia di pesci nuotano intorno a coralli dai colori sgargianti. L’Atollo Meemu ha una popolazione di 6500 abitanti concentrati su 9 delle 33 isole. Come perle su una collana, le isole circondano l’acqua. Sbarcheremo su un paradiso dalle spiagge adornate di palme, mangrovie e barriere coralline.Il nostro biologo marino vi orienterà nelle escursioni di snorkeling, tra le meraviglie del mondo sommerso, mentre l’ornitologo andrà alla ricerca di sule, gabbiani e aironi, infatti più di 160 specie di volatili abitano queste zone.

Le Maldive sono fatte di 1190 isole, di cui 200 disabitate. Addu è l’atollo più meridionale dell’arcipelago e Addu City è una delle uniche due città del paese. Su Gan, poiché l’isola dista più di 540 km da Male, c’è un aeroporto internazionale. Hithadoo è la parte più occidentale di Addu City e avremo tempo di esplorarne sia il mare che la terraferma, alla ricerca di uccelli o facendo snorkeling tra i coralli insieme al Team Expedition.

Per attraversare il vasto Oceano Indiano dovremo navigare tre giorni. I nostri esperti terranno seminari, laboratori e discussioni. Il nostro Executive Chef potrebbe offrire dimostrazioni culinarie di piatti particolari, mentre il personale del bar fornirà approfondimenti su vini e liquori.

Dopo aver sbrigato le pratiche di ingresso nel paese, arriveremo a Praslin, dove si trova il meraviglioso sito UNESCO di Vallée de Mai. Sbarcheremo via Zodiac nella pittoresca baia di Ste Anne per proseguire in auto lungo la scenografica strada costale verso Valle de Mai, attraversando un villaggio di pescatori e dense foreste tropicali. Praslin presenta numerose zone di foresta tropicale con oltre 6,000 cocchi di mare dalle gigantesche foglie a ventaglio. Questi alberi raggiungono altezze di oltre 30 metri, con una vita media di 800-1000 anni e ospitano uccelli endemici come l’hypsipetes crassirostris e il pappagallo nero delle Seychelles. In seguito, raggiungeremo la spiaggia di Cote d’Or, dove fare snorkeling e rilassarsi. Dopo un rinfresco a terra, ritorneremo sulla nave.

Aride è l’isola più settentrionale delle Seychelles e ospita più siti di nidificazione di uccelli marini di ogni altro posto dell’arcipelago. Diciotto specie di uccelli nativi nidificano ad Aride, tra cui la più grande colonia di sterna stolida minore, l’unica colonia in collina di sterna fuligginosa e la più grande colonia dell’oceano Indiano occidentale di sterna di Dougall. Inoltre, l’isola ospita l’unica colonia di fetonte codarossa a est di Aldabra, oltre a numerose sterne stolide brune, bianche e berte cuneate. Migliaia di fregate maggiori e minori abitano le scogliere settentrionali.A pranzo la nave si ricollocherà a Curieuse, caratterizzata da una storia tragica. L’isola era una colonia di lebbrosi fino al 1965 e la residenza del dottore, del 1870, è oggi un museo e un centro educativo. Più di 500 tartarughe popolano l’isola, oltre al pappagallo nero delle Seychelles. La flora presenta otto diverse specie di mangrovia e i rari cocchi di mare.

Dopo la colazione, sbarco dalla Silver Discoverer.1. Praslin, Seychelles; 2. Curieuse, Seychelles; 3. Olhugiri, Maldive



Quota di partecipazione.

15 GIORNI / 14 NOTTI
A partire da:

12950 €

 

Chiedi Informazioni

 


Prossime partenze.

28 09 2018

Note e informazioni.

Prezzi quotati in euro, pertanto non soggetti ad adeguamento valutario.

 

La quota base comprende:

                    Sistemazione in cabina Explorer  Suite;

                    Formula All-Inclusive: bevande e cibo in suite ed in tutti i locali della nave;              

                    Trasporto dal porto di attracco alla città nei porti principali;

                    Servizio in camera 24 ore;

                    Wi-fi a seconda della suite scelta;

                    Occasioni di intrattenimento e di arricchimento;

                    Mance;

                    Servizio maggiordomo;

                    Conferenze a bordo pertinenti il viaggio a cura di un Team di esperti altamente qualificato;

                    Tutti i tour, le escursioni  e le attività di gruppo;

                    Uno zaino, una borraccia in acciaio ed un parka per i viaggi in mete artiche.

 

La quota non comprende:

                    Volo dall’Italia per la città d’imbarco e viceversa;

                    Notti supplementari;

                    Trasferimenti da/per l’aeroporto.

 

 

 

 

You may also like

“ACQUA, FUOCO, ARIA E TERRA” E CROCIERA SULLA SILVER GALAPAGOS

Viaggio garantito con minimo 2 partecipanti e con Esperto Kel 12 a partire dai 10 partecipanti.  Normalmente si dice che andare in ECUADOR vuol dire visitare le ISOLE GALAPAGOS, dimenticando che senza percorrerne le regioni continentali, si perde l’occasione di conoscere una parte fondamentale del Paese che conserva, è proprio questo il termine giusto, alcuni dei centri coloniali […]

Silver Shadow: da Hong Kong a Tokyo

Il pluripremiato comfort in suite di  Silver Shadow la colloca a un livello superiore per il suo rapporto spazio/passeggero tra i più elevati al mondo, per la cordiale ospitalità dello staff e per la meravigliosa atmosfera che regna a bordo fatta di esperienze autentiche, piaceri semplici e momenti condivisiLeggermente più grande di Silver Cloud e Silver […]

Silver Muse: Singapore, Malesia e Birmania

 Ultima novità della flotta, Silver Muse vanta il più grande numero di suite, tecnologie all’avanguardia, arte, artigianato e comfort di gusto italiano. A bordo, otto aree ristorative con menu enogastronomici, tra cui un ristorante che cucina sulla pietra lavica ed un jazz tapas bar, nuovi servizi per soddisfare i palati più esigenti e alla continua […]