Silver Cloud Expedition: da Londra a Reykjavik


Descrizione.

Dopo una completa ristrutturazione, Silver Cloud è diventata la più spaziosa e confortevole nave da crociera in mari ghiacciati. Le sue spaziose suite, le sue destinazioni e il suo servizio senza pari la rendono veramente unica nel suo genere. Cinque opzioni ristorative, tra cui il ristorante Relais&Châteaux, stuzzicheranno il vostro palato e, poiché l’ottanta per cento delle suite include una veranda privata, contemplare una balena o un branco di pinguini saltellanti non sarà mai stato così intimo e personale.
Ampi ed estesi ponti con numerosi open-space e una piscina completano quella che è sicuramente la nave da spedizione più distinta al giorno d’oggi.
Un numero limitato di ospiti consente a Silver Cloud Expedition di offrire il miglior rapporto passeggero-spazio ed equipaggio-passeggero nella categoria delle navi da crociera Expedition. Con una flotta di 18 Zodiac poi, le possibilità di esplorazione sono praticamente illimitate e nessuna meta è irraggiungibile. E infine, un team di 19 esperti appassionati e dedicati, sempre a disposizione per assicurarsi che il vostro viaggio migliori ad ogni tappa.
 

 

Itinerario di Viaggio.

Imbarco sulla Silver Cloud e breve briefing sulla sicurezza a bordo. Successivamente il responsabile dello staff effettuerà presentazione dei membri del Team Expedition.

Durante la notte la Silver Cloud navigherà lungo il Tamigi, superando l’impressionante Tower of London e il Tower Bridge. Proseguendo supereremo il distretto di Canary Wharf, il Cutty Sark, un clipper inglese meravigliosamente restaurato, e Greenwich, dove si trova il National Maritime Museum. Attraverseremo poi il Meridiano di Greenwich, godendo di viste panoramiche dell’università, dell’antico Royal Naval College e del Greenwich Park.Prima di mezzogiorno, la nave si addentrerà nel Mare del Nord, in direzione della Manica. A bordo verranno proposte varie conferenze con interessanti approfondimenti sui punti forti della spedizione.

Guernsey ha un’area di soli 40 km², tuttavia presenta un’impressionante varietà di attrazioni storiche e naturali. Per i passeggeri più in forma, sarà offerto un trekking lungo le scogliere. L’escursione consiste di una camminata di circa due ore che conduce sulla vetta dei promontori, da dove contemplare viste panoramiche strabilianti delle scogliere meridionali. Il sentiero si districa tra fiori selvatici e la graziosa Port Bay. Una volta terminata la camminata, dal Jerbourg Hotel un transfer condurrà a Les Cotils per un delizioso Cream Tea. Il secondo tour partirà in auto dal molo e, dopo un tragitto scenografico, raggiungerà un laboratorio di argentieri e orafi. Il laboratorio e lo showroom si trovano in otto acri di terreni premiati. Dopo una breve esplorazione individuale, è prevista un’escursione nella natura guidata per apprezzare al meglio la bellezza di queste terre, seguito da un rinfresco locale, il Guernsey Gâche.La terza e ultima opzione ci porterà indietro nel tempo, per comprendere la vita a Guernsey durante la Seconda Guerra Mondiale. Le Channel Islands erano l’unica parte dell’Inghilterra a essere occupata dalle forze militari tedesche. Visiteremo La Valette Underground Museum, che esibisce numerosi memorabilia della guerra. In seguito proseguiremo lungo la costa ovest di Guernsey e sulla via del ritorno sosteremo brevemente all’affascinante “Little Chapel”.

Nella giornata odierna la Silver Cloud getta l’ancora tra Tresco e St. Mary. Durante la mattinata delle imbarcazioni locali consentiranno lo sbarco a St. Mary, esplorabile individualmente. Oltre a essere ideale per il birdwatching, sull’isola si trovano attrazioni come lo Star Castle e le Garrison Walls. Per molti, Tresco è l’isola più bella delle Scilly, specialmente per gli Abbey Gardens. Nel pomeriggio sbarcheremo via Zodiac per un tour guidato di quest’attrazione famosa a livello mondiale, che ospita migliaia di piante esotiche di 80 paesi diversi. Il botanico Augustus Smith iniziò il progetto nel 1830 sul luogo dove sorgeva un’antica abbazia benedettina. Incanalò il clima in una rete di recinzioni murate costruite intorno alle rovine di Priory. Fece scavare tre terrazzamenti nel versante roccioso meridionale e in questo modo riuscì a massimizzare gli effetti del clima mite di Tresco. Qui, infatti, ci sono più ore di luce e meno pioggia rispetto all’Inghilterra (a soli 48 km di distanza), dove queste piante non avrebbero alcuna possibilità di sopravvivere. Interessante è anche la mostra di polene e galeoni all’interno del giardino.

Prima tappa della giornata sarà la cittadina di Milford Haven (Aberdaugleddau in gallese) fondata nel 1793, dopo che Sir William Hamilton ottenne un Atto del Parlamento per creare il porto nel fiordo Milford. L'estuario è stato usato per secoli come punto di partenza per i viaggi verso l'Irlanda e come rifugio dai Vichinghi. Era conosciuto come un porto sicuro e fu menzionato da William Shakespearenell'opera Cimbelino come il "fortunato Milford.Nel pomeriggio saremo presso la piccola isola di Skomer al largo della costa sud-occidentale del Galles, accessibile solo in barca. Skomer ha una grande popolazione di uccelli marini che includono Manx Shearwaters, Razorbills, Great Cormorants, Kittiwake a zampe nere, Pulcinella di mare, European Petrels Storm, Common Shags, Oystercatchers e gabbiani eurasiatici, oltre a uccelli da preda tra cui i gufi, Gheppi comuni e falchi pellegrini. Le pendici dell'isola sono ricoperte di campanule e una varietà di fiori selvatici. Guarnizioni grigie e focene a volte possono essere viste nelle acque circostanti.

L'isola di Man, situata nel Mare d'Irlanda, al largo della costa occidentale dell'Inghilterra, è un'isola montuosa, circondata da alte scogliere e uno dei luoghi più belli della Gran Bretagna. Nonostante le sue dimensioni ridotte, Misura solo 30 miglia per 13 miglia, l'Isola di Man rimane semi-autonoma. Con i suoi francobolli, le leggi, la valuta e la Corte di Tynwald (il più antico parlamento democratico del mondo), l'Isola di Man è ricca di storia e tradizioni. Abitata fin dal Neolitico, l'isola divenne rifugio per i missionari irlandesi dopo il quinto Secolo. I norvegesi si insediarono sull'isola durante il IX secolo e successivamente la vendettero alla Scozia nel 1266.

La piccola isola di Iona, a sud-ovest di Mull, ha una popolazione di soli 120 abitanti. L'isola è lunga 3 miglia e larga 1,5 miglia ma ogni anno attira migliaia di visitatori grazie alle sue innumerevoli bellezze naturali, al clima mite e alla sua storia. San Columba esiliato dalla nativa Irlanda, nel 563 vi fondò un monastero con 12 compagni. Da questo luogo essi iniziarono la conversione al Cristianesimo della Scozia pagana e di gran parte dell'Inghilterra del nord. La notorietà di Iona come un luogo di cultura e di missione si diffuse in tutta l'Europa e l'isola divenne uno dei massimi luoghi di pellegrinaggio. Iona fu considerata un luogo "santo" e particolarmente venerato quando iniziarono ad esservi sepolti diversi re di Scozia, Irlanda e Norvegia.La splendida Lunga è la più grande isola dell'arcipelago di Treshnish. L’isola, di origine vulcanica, fu popolata fino al 19° secolo; lungo questo magnifico gioiello costiero sono ancora visibili i resti delle case nere. Ora i principali abitanti della zona sono le numerose specie vegetali e l'avifauna esotica sono ora i principali abitanti della zona. I visitatori più fortunati potranno osservare la magnifica quantità di uccelli ed in particolare i famosi pulcinella di mare che si riproducono sull'altopiano.

Durante la mattinata la Silver Cloud naviga verso nord.Nel primo pomeriggio si raggiungerà Pierowall, un piccolo villaggio nelle isole Orcadi, al largo della costa del nord della Scozia continentale. Il villaggio è il più grande insediamento dell'isola e si trova vicino alla sua estremità settentrionale, intorno alla baia di Pierowall. Nonostante le sude dimension ridotte il villaggio propone una varietà di resti storici risalenti al Neolitico, all'Età del Ferro, al Medioevo e in seguito, tra cui un grande cimitero dei norreni pagani.

Silver prosegue la sua rotta verso Nord.Nel pomeriggio si giunge a Torshavn, la capitale delle Isole Faroe, il cui nome significa "porto di Thor", in onore del dio norvegese del tuono e del fulmine. Fondata nel X secolo, può essere considerata la capitale più vecchia dell'Europa settentrionale. I primi coloni vichinghi vennero a Tórshavn per incontri annuali, in cui si trattavano questioni commerciali.L’arcipelago delle isole Faroe posto a più di 600 miglia (circa 1.000 chilometri) dalla costa occidentale della Danimarca, è formato da un triangolo di diciotto isole spazzate dal vento, diciassette delle quali sono abitate. Solo 48.500 persone e circa 70.000 pecore vagano in queste terre remote. Gran parte del patrimonio delle isole riflette un passato medievale, a cominciare dall'arrivo dei contadini della Norvegia occidentale che si insediarono qui nel IX secolo. La prova di questo patrimonio scandinavo è preservata attraverso secoli di isolamento; strutture antiche possono ancora essere viste nei villaggi raggruppati attorno a vecchie chiese.

Vestmanna sono scogliere, strette e verticali, di origine vulcanica, verticali si ergono ripide dall'oceano fino a un'altezza di oltre 600 metri. Le scogliere sono l’impressionante sito di nidificazione di migliaia di uccelli e sono caratterizzate da una vegetazione rara e selvaggia. Si possono osservare decine di migliaia di uccelli marini librarsi lungo le scogliere, seduti sui nidi o nuotare attraverso l'acqua. Le specie includono numerosi gabbiani tridattili, urie comuni, urie nere e l'accattivante pulcinella atlantica.

Alla prime luci dell’alba la nave giunge in Islanda ed attracca nei pressi di Djupivogur.Situata nella parte sud-orientale dell'Islanda, la piccola cittadina è facilmente raggiungibile dal nord Europa. A conferma di questa affermazione in città si può osservare una stazione commerciale costruita nel XVI secolo. Ancoraoggi è la pesca la importante fonte di sostentamento della popolazione, ma il turismo sta aumentando sempre di più. Nelle vicinanze Bulandsnes ha un rinomato santuario degli uccelli, e l'isola di Papey appena un po 'più a est, ospita grandi colonie di pulcinella di mare atlantica. Djupivogur non è troppo lontano dal Vatnajökull National Park.

Húsavík, posta sotto la montagna Húsavíkurfjall, si trova lungo la costa orientale della baia di Skjálfandi nel nord dell’Islanda. Proprio sopra la città si trova il lago Botnsvatn, un luogo popolare per le gite. Il lago è della giusta misura per una bella camminata intorno ad esso. La cittadina è conosciuta per il whalewatching, è infatti soprannominata la "capitale mondiale del whalewatching": le uscite in barca per ammirare le balene hanno praticamente sempre successo in quanto la baia di Skjálfandi è un vero e proprio crocevia per i cetacei. La baia ospita sempre diversi esemplari di passaggio di differenti specie di balena, dalle comuni balenottere rostrate e capodogli, alle megattere che compiono impressionanti acrobazie fuori dall'acqua, fino alle rare balenottere azzurre, gli animali più grandi del mondo.

Nella giornata odierna Silver Cloud naviga lungo le scogliere di Hornbjarg che offrono un incredibile spettacolo naturalistico: verdi colline rigogliose improvvisamente interrotte da scogliere a picco a oltre 500 m direttamente nell'oceano sottostante. L'isola di Vigur è lunga poco più di un miglio (1,6 km) e larga circa 450 metri (412 m). Quest’oasi verde punteggia le acque del fiordo Ísafjarðardjúp a est della città di Isafjordur. L'isola ospita una sola famiglia di contadini e ha alcuni monumenti storici gelosamente conservati tra cui l'unico mulino a vento islandese, costruito nel 1840 e utilizzato fino al 1917 per macinare il grano importato dalla Danimarca; e una barca a remi di 200 anni, che è ancora in uso per trasportare le pecore sulla terraferma. L'estate è il momento migliore per vedere un gran numero di pulcinella di mare atlantiche, sterne artiche e urie nere.

L’Islanda è famosa per le sue spettacolari cascate. L'iconica cascata Dynjandi, situata nella regione dei Fiordi Occidentali, è considerata una delle cascate più imponenti e maestose dell'Islanda. Nella parte superiore, è larga circa 100 piedi e precipita a circa 330 piedi nel fiordo. Il suo nome Dynjandi significa "il tuonante", le sue dimensioni enormi, il suono enorme e la forza pura offorno uno spettacolo affascinante. È stata anche soprannominato, "The Bridal Veil" per via del modo in cui l'acqua spruzza e si diffonde sulle rocce.Lungo la costa settentrionale dell'Islanda e vicino all'estremità occidentale del paese si trovano le impressionanti scogliere di Latrabjarg; la più grande scogliera di uccelli d'Europa. Milioni di singoli uccelli marini nidificano lungo il promontorio al riparo dalle volpi artiche golose dei pulcini. I pulcinella di mare, le sule settentrionali, le gazzette a gazza marina e le urie hanno selezionato ciascuna le loro aree preferite all'interno e al di sopra della scogliera in cui appollaiarsi e nidificare. Le scogliere di Latrabjarg raggiungono altezze fino a 440 metri lungo uno strabiliante tratto di costa lungo 14 chilometri.

Reykjaví è il, centro nevralgico della nazione e sede governativa, ospita la metà della popolazione dell'isola. Su una baia dominata dall'orgoglioso monte. Esja (pronunciato eh-shyuh), con le sue sfumature sempre mutevoli, Reykjavík presenta uno spettacolo colorato, le sue case di cemento dipinte con colori chiari e sormontate da vivaci tetti rossi, blu e verdi. In contrasto con la campagna quasi priva di alberi, Reykjavík ha molte alte betulle, sorbi e salici, nonché pioppi, pini e abeti importati. Il nome di Reykjavík deriva dalle parole islandesi per fumo, reykur e baia, vík.1. St Mary’s, Isole Sicily; 2. Torshacn, Isole Faroe; 3. Pulcinella di Mare



Quota di partecipazione.

15 GIORNI / 14 NOTTI
A partire da:

8460 €

 

Chiedi Informazioni

 


Prossime partenze.

04 06 2019

Note e informazioni.

Prezzi quotati in euro, pertanto non soggetti ad adeguamento valutario.

 

La quota base comprende:

                    Sistemazione in cabina Vista Suite;

                    Formula All-Inclusive: bevande e cibo in suite ed in tutti i locali della nave;              

                    Trasporto dal porto di attracco alla città nei porti principali;

                    Servizio in camera 24 ore;

                    Servizio maggiordomo;

                    Wi-fi su tutta la nave;

                    Occasioni di intrattenimento e di arricchimento;

                    Mance.

                    Conferenze a bordo pertinenti il viaggio a cura di un Team di esperti altamente qualificato;

                    Tutti i tour, le escursioni  e le attività di gruppo;

                    Uno zaino, una borraccia in acciaio ed un parka per i viaggi in mete artiche.

 

La quota non comprende:

                    Volo dall’Italia per la città d’imbarco e viceversa;

                    Notti supplementari;

                    Trasferimenti da/per l’aeroporto.

 

 

 

 

You may also like

ARCTIC RESORT KAKSLAUTTANEN – EAST VILLAGE

Nella Finlandia nord-orientale, ai margini del parco nazionale Urho Kekkonen e a breve distanza dal confine russo, si trova l’Arctic Resort Kakslauttanen & Igloo Village. Il resort offre l’opportunità di trascorrere una vacanza in simbiosi con le suggestive atmosfere della Lapponia in veste invernale.La struttura dispone di numerosi cottage indipendenti, costruiti in legno secondo la […]

Silver Discoverer: i misteri della Nuova Guinea

Terza arrivata nella categoria Expeditions, Silver Discoverer fa rotta su terre inesplorate e vergini del vasto Pacifico, attraverso isole coralline e villaggi tribali, verso foreste pluviali il cui fragile ecosistema non sembra conoscere la corruzione del tempo.Silver Discoverer offre suite tutte provviste di vista oceano e spaziosi ponti, in maniera che una balena o un […]

LA TERRA DEI SAMI: L’ULTIMA FRONTIERA SELVAGGIA D’EUROPA

Un viaggio nella Lapponia svedese, a conoscere i Sami. Una regione poco frequentata dal turismo dei grandi numeri rispetto alla Lapponia finlandese ma, non per questo, meno attraente. Il tour parte dalla cittadina di Skelleftea, celebre per i giacimenti auriferi, e prosegue per Bonnstan, Svansele e Lappstaden. Tra safari in motoslitta alla ricerca di alci […]