CROCIERA VERSO IL CIRCOLO POLARE ANTARTICO A BORDO DI MS FRAM


Descrizione.

La Penisola Antartica, circa 950 km a sud-est di Capo Horn, è il lembo di terra più settentrionale del Continente Bianco e offre scenari a perdita d’occhio dominati da imponenti rilievi, vasti altopiani glaciali e maestosi ghiacciai che producono centinaia di iceberg alla deriva. Durante l’estate australe tra novembre e febbraio, l’Antartide accoglie oltre 50 specie di uccelli marini-migratori, 8 specie di pinguini (il pinguino Imperatore ed il pinguino Adelie tra le più diffuse), insieme a numerosi esemplari di foche, leoni di mare, delfini, orche e balene. Le crociere con MS Fram della flotta Hurtigruten conducono alla scoperta di queste remote aree a sud del globo, al cospetto di alcune tra le espressioni più maestose ed incontaminate della natura polare..

L’intento di questo viaggio speciale è quello di giungere al Circolo Polare Antartico; questa frontiera è uno dei paralleli che delimitano le mappe del globo terrestre, si trova a 66° 33′ 39” S di latitudine, demarca il Territorio Antartico secondo una delle sue definizioni.  

 

Itinerario di Viaggio.

Sistemazione presso l’hotel Emperador o similare (le camere saranno disponibili a partire dalle ore 15.00). Possibilità di partecipare a una visita organizzata della città o di dedicare il pomeriggio al tempo libero. Cena libera e pernottamento in albergo. Nota per il bagaglio: in serata, indicativamente tra le 21.00 e le 22.00, il vostro bagaglio verrà prelevato dall’hotel e trasportato separatamente all’aeroporto. Preghiamo di apporre la targhetta con le vostre generalità e il numero della cabina. In aeroporto dovrete procedere al riconoscimento delle valigie e al check-in del volo per Ushuaia. Suggeriamo pertanto di dotarsi di uno zaino con l’occorrente per la giornata successiva, passaporto, questionario/certificato medico ed eventuali medicine.Escursioni facoltativeVisita di Buenos Aires, la più elegante capitale del sud America, con guida locale parlante inglese e pullman granturismoDurata: 3,5 ore circa ( 15.00 – 18.30 )Costo: 35,00 € per personaCena e spettacolo di Tango Argentino (effettuabile anche al termine della crociera prevedendo notte supplementare A Buenos Aires)Alle 20.00 incontro con la guida parlante inglese e trasferimento in ristorante locale dove assisterete ad uno spettacolo di Tango Argentino.Durata: 4 ore circa ( 20.00 – 24.00 )Costo: 167,00 € a persona

Di primo mattino trasferimento all’aeroporto domestico e volo speciale per Ushuaia, nella Patagonia argentina (partenza indicativa tra le 07.00 e le 09.00 – l’orario definitivo viene comunicato dagli assistenti Hurtigruten presenti presso l’hospitality desk). All'arrivo incontro con gli assistenti locali e trasferimento al porto; durante il tragitto visita orientativa di Ushuaia. In alternativa è possibile prendere parte all'escursione facoltativa nel Tierra del Fuego National Park. A partire dalle ore 16.00 imbarco sulla Ms Fram, assegnazione della cabina riservata e incontro con l'equipaggio che illustrerà l'itinerario della navigazione, le norme di sicurezza e il programma escursionistico. In serata inizio della navigazione attraverso il Canale di Beagle, cena a bordo e pernottamento. Escursione facoltativaIl Parco Nazionale Tierra del Fuego (3-4 ore circa): il parco è situato nel sud-ovest della Terra del Fuoco, a soli 11 chilometri ad ovest del capoluogo Ushuaia. Istituito nel 1960, si estende per circa 63.000 ettari e costituisce l'esempio più meridionale di foresta andina-patagonica. Durata: 3-4 ore circa Costo: 130,00 € per persona

In poco meno di 48 ore la nave effettua la traversata del Passaggio di Drake, virtuale spartiacque tra l'Atlantico ed il Pacifico, siamo infatti nel punto in cui i due oceani si incontrano. In questo tratto di oceano le acque calde provenienti dal nord incontrano le fredde e meno salate acque del sud. Questo rende l’oceano particolarmente ricco di sostanze nutritive e permette quindi il sostentamento di vita marina unica nel suo genere. Durante la navigazione in direzione dell’Antartide a bordo della nave si terranno una serie di conferenze sui vari aspetti della storia, della flora e della fauna del “Continente Bianco”. I partecipanti riceveranno inoltre delle indicazioni su come si svolgono le visite in questo ambiente molto vulnerabile e gelosamente protetto. Il Trattato dell’Antartide ha reso il continente un’area senza operazioni militari e regola tutte le attività della zona. Hurtigruten segue queste regole alla lettera per assicurarsi che l’ambiente non sia “disturbato” e/o deturpato. Il programma di presentazioni a bordo è realizzato proprio con questo scopo, perché il nostro obiettivo è quello di prepararvi ad un’esperienza unica e perché possiate trarne il massimo beneficio.

Giornate dedicate alla scoperta del continente più meridionale della terra, una delle aree più inaccessibili e incontaminate del pianeta. La rotta e il programma di sbarchi a terra in gommone dipendono dalle condizioni atmosferiche e del ghiaccio, costantemente monitorate dall'equipaggio. Durante la permanenza nelle acque che circondano la penisola Antartica, vengono effettuate escursioni in alcune delle seguenti zone:Circolo Polare AntarticoLa partenza prevede la possibilità di giungere al Circolo Polare Antartico, uno dei paralleli che delimitano le mappe del globo terrestre, si trova a 66° 33' S di latitudine e demarca il Territorio Antartico secondo una delle sue definizioni. Il Circolo Polare Antartico sperimenta un periodo di 24 ore di luce continua almeno una volta all’anno, questo significa che il Sole si trova sull’orizzonte un’intera giornata. Il fenomeno si produce perché l’asse della Terra si trova inclinato di 23,5°. Per lo stesso motivo un giorno all’anno il Sole rimane sotto la linea dell’orizzonte. Isole Shetland Australi:L’arcipelago di isole si trova circa 80 miglia a nord della penisola antartica, fu scoperto nel 1819 dal mercante inglese William Smith, il cui brigantino venne sorpreso da una tempesta nei pressi di Capo Horn e spinto verso sud. Deception Island, nella parte sud-occidentale dell'arcipelago, è un'antica caldera vulcanica di circa 7 miglia di diametro. Le pareti della caldera sono parzialmente sprofondate originando una baia naturale che, tra la fine del 1800 la prima metà del 1900, è stata utilizzata dai norvegesi per la lavorazione delle balene che venivano cacciate nelle acque antartiche (da qui deriva il nome “Whalers bay”). Successivamente, tra gli anni '40 e '60 la baia venne occupata da una base militare britannica, poi abbandonata in seguito alle eruzioni del 1967 e 1969. In quest'area è possibile visitare i resti della stazione baleniera e dell'insediamento militare.Half Moon island è considerata una perla della biodiversità: le sue scogliere accolgono colonie di pinguini antartici, sterne artiche, gabbiani del kelp, chioni bianchi oltre a numerose specie di foche. L'isola ospita inoltre la stazione di ricerca argentina Teniente Camara.Yankee harbour, protetta da una penisola di circa 1 km sull'isola di Greenwich, in passato fu utilizzata dai cacciatori di foche ed ora è rifugio naturale per foche di Weddel, foche mangiagranchi ed elefanti marini. Nella baia si radunano inoltre migliaia di pinguini Papua (o Gentoo), i cui piccoli sono costantemente minacciati dagli uccelli predatori, in particolare lo stercorario maggiore che nidifica nelle scogliere circostanti. Yankee harbour offre inoltre suggestive vedute su Livingston Island e sullo stretto di Bransfield.Cuverville IslandIl Canale di Errera, scoperto dal professore belga Lèo Errera è la via d’acqua tra l’Isola Rongè e la Penisola Antartics: un passaggio molto stretto e scenografico. In quest’area si trovano le Isole di Danco e Cuverville, quest’ultima ospita la più grande colonia di pinguini Papua della penisola antartica. Le acque profonde tra le isole fanno sì che spesso gli iceberg si fermino qui, offrendo così uno spettacolo di rara bellezza. All’inizio della stagione la neve rende difficile per i pinguini raggiungere i loro siti di nidificazione ma non per questo si scoraggiano; essi pazientemente creano la loro ‘’autostrada dei pinguini’’, osservabile come una rete visibile ed intricata tracciata nella neve.Andvord bay - Neko harbourIn questa area si radunano splendidi esemplari di balenottere antartiche che, con un po’ di fortuna, si possono avvistare anche dalla nave. Andvord Bay è una delle zone più scenografiche della penisola antartica circondata da alte montagne e da imponenti fronti glaciali. Il Neko Harbour, situato nella parte più interna della baia, prende il suo nome da un cacciatore di balene che vi si ancorò all’inizio del 1900. E’ uno dei pochi luoghi dove è possibile sbarcare sulle coste del continente e dove è possibile osservare da vicino una colonia di pinguini Gentoo.La navigazione del Lemarie Channel, è considerata da molti la sintesi del viaggio in Antartide, con la straordinaria alternanza di contrasti e maestose espressioni della natura che rende questo remoto angolo del globo una destinazione inospitale ma contemporaneamente affascinante e invitante. Petermann IslandIl nome di questo luogo si deve ai cacciatori di balene: quando gli uragani raggiungevano il loro picco le navi baleniere si rifugiavano qui. All’estremità settentrionale della baia, proprio attraverso l’isola di Lemaire, si trova il famoso Water Point, noto per essere stata la base di partenza delle prime temerarie spedizioni verso il polo sud; oggi è la base della stazione di ricerca Cilena Gonzalez Videla.Port Lockroy, sull'isola di Goudier, nella prima metà del 1900 l’insediamento è stato utilizzata dai cacciatori di balene, per poi essere riconvertito a base militare utilizzato della marina britannica tra il 1941 e il 1962. Alla fine degli anni '90, è stata ristrutturata e convertita in piccolo museo grazie all'Antarctic Heritage Trust, l'associazione neozelandese che opera nella divulgazione scientifica e nella conservazione delle testimonianze legate alla storia delle esplorazioni antartiche. Dal museo di Port Lockroy è anche possibile inviare lettere e cartoline con lo speciale timbro dell'ufficio postale più a sud del mondo. Wilhelmina BayLe montagne e gli alti ghiacciai della Penisola Antartica attorno alla Baia Wilhelmina trasmettono forti emozioni oltre a fornire un chiaro indizio della potenza del ghiaccio e dell’acqua. Dal distacco del fronte dei ghiacciai fino ai ghiacci galleggianti, ogni aspetto di questo luogo fornisce delle visioni impressionanti. E’ un’area particolarmente apprezzata da foche e balene ed è stata quindi destinazione di molte spedizioni di caccia all'inizio del 1900; ne è testimonianza il relitto della nave norvegese Guvernøren, naufragata nel 1915 in seguito ad un incendio.Antarctic Sound: un canale di acqua tra la penisola Antartica e un gruppo di iceberg incolonnati di forme e dimensioni stupefacenti. Il nome deriva da una spedizione norvegese del 1903 guidata dal leggendario capitano C.A. Larsen a bordo della nave Antarctic; il destino della spedizione è una delle storie del continente più interessanti e allo stesso tempo incredibili. L’Expedition Team ve ne parlerà sicuramente durante la navigazione. L’area è densamente “abitata”, si stima sia presente una popolazione di circa mezzo milione di pinguini Adelie, colonie di pinguini Gentoo, foche leopardo e orche. Brown Bluff: un imponente promontorio lungo la costa dell’Antarctic Sound che si staglia per 746 metri sul livello del mare. Le sue origine vulcaniche lo rendono estremamente affascinante, la spiaggia sottostante, disseminata di massi lavici, crea un effetto davvero unico. Se le condizioni meteo lo consentiranno è previsto uno sbarco per una passeggiata tra le colonie di pinguini e un piccolo trekking fino ad uno spettacolare punto di osservazione sopra un promontorio. Detaille Island Sull’isola si trova una vecchia stazione di ricerca abbandonata: la stazione W che operò dal febbraio del 1956 al marzo del 1959. Utilizzata solamente per tre anni a cavallo degli anni ’50, in seguito è diventata inutilizzabile a causa dei ghiacci che resero impossibile l’approdo. Horseshoe Island, dalla singolare forma a ferro di cavallo, ospita un’altra stazione scientifica abbandonata. L’isola fu scoperta nel 1936 e la stazione “Y” divenne operativa nel 1955; vi si svolsero ricerche topografiche, geologiche e meteorologiche. All’interno della stazione si possono osservare gli infissi e gli impianti originali.

La nave inverte la propria rotta per attraversare nuovamente il Passaggio di Drake e percorrere le 600 miglia (circa 950 km) che separano l'Antartide da Ushuaia. Durante la navigazione è prevista una serie di incontri dedicati all'ecosistema antartico ed alla storia della navigazione nelle acque che hanno affascinato viaggiatori ed avventurieri di ogni epoca.

Dopo la prima colazione a bordo, sbarco a Ushuaia, nella parte argentina dell'isola di Terra del Fuoco. Nel primo pomeriggio trasferimento in aeroporto e partenza in aereo per Buenos Aires (l’orario di partenza viene comunicato dallo staff di bordo).



Quota di partecipazione.

16 GIORNI / 15 NOTTI
A partire da:

7624 €

 

Chiedi Informazioni

 


Prossime partenze.

08 02 2018 25 01 2018

Note e informazioni.

Per questo itinerario, a totale rettifica di quanto riportato sopra, le penali di annullamento saranno applicate nella seguente misura:

 

100% a partire dalla data di conferma di prenotazione.

 

 

Prezzi quotati in euro e pertanto non soggetti ad adeguamento valutario.

 

La quota comprende:

  • 1 pernottamento a Buenos Aires presso l’hotel Emperador o similare in camera doppia inclusa prima colazione;
  • Voli speciali Buenos Aires/Ushuaia/Buenos Aires in classe turistica incluse tasse aeroportuali;
  • trasferimenti: hotel/aeroporto a Buenos Aires – aeroporto/porto/aeroporto a Ushuaia;
  • crociera come da programma con sistemazione in cabina interna con servizi, trattamento di pensione completa a bordo (bevande escluse;
  • Tasse portuali;
  • Sbarchi a terra in zodiac;
  • Assistenza di esperte guide parlanti inglese a bordo.

 

 

La quota non comprende:

  • Voli da/per l‘Italia + tasse aeroportuali (quotati separatamente;
  • Notti supplementari (quotate separatamente);
  • Escursioni supplementari;
  • Bevande ai pasti;
  • Tutto quanto non indicato ne "la quota comprende".

 

 

 

 

 

You may also like

TEHUELCHE ONAS E GUARANI

Dall’affascinante Buenos Aires partiamo per un viaggio dall’incredibile bellezza naturalistica che si snoda tra la Patagonia che nella sua cornice andina nasconde immensi ghiacciai e laghi color turchese. Superato lo stretto di Magellano si prosegue per la Terra del Fuoco fino alla “fine del Mondo”, immersa in oltre 200 chilometri di boschi, segnata dalle ultime pendici […]

IL SERPENTE PIUMATO

Un intenso programma che alterna gli interessi archeologici alle bellezze naturalistiche ed etniche di questo paese latino americano. I resti di civiltà precolombiane come Aztechi, Maya, Zapotechi e Mixtechi si poseranno sullo sfondo di spettacolari paesaggi tra vulcani, laghi, cascate, foreste lambite dalle coste del caribe messicano.Da Città del Messico, megalopoli situata a 2.000 metri […]

CROCIERA DA KIRKENES A BERGEN – ROTTA SUD

Una navigazione lungo la storica Hurtig-ruten, la “rotta veloce” percorsa quotidianamente dal Postale dei Fiordi che collega Bergen, nella regione dei fiordi, a Kirkenes, nell’estremo nord al confine con la Russia.Trentatre porti in una settimana: il massiccio di Capo Nord, il punto più settentrionale del continente europeo e tappa mitica per i viaggiatori di ogni […]